“Esperienza al buio a ruoli invertiti”

Pubblichiamo con molto piacere la presentazione dell’evento organizzato dall’U.N.I.Vo.C. di Napoli di un’esperienza al buio a ruoli invertiti.

Nei giorni 18 e  19  novembre, 16 e 17 dicembre – l’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi (U.N.I.Vo.C.) – Sezione Provinciale di Napoli, darà vita all’iniziativa “Vediamoci chiaro”: uno  slogan, questo, che coniuga l’apparenza provocatoria dell’autoironia con cui i  ciechi gestiscono quotidianamente la vita, con la sostanza più profonda del vedere con la mente attraverso tutte le stimolazioni fornite dagli altri sensi ai quali affidiamo tanti compiti di riconoscimento della realtà e  che ci consentono di elaborare ed interiorizzare gran parte delle molteplicità che chi vede, codifica e decodifica avvalendosi in modo esponenziale, della vista con sovente utilizzazione degli altri 4  sensi.

In  cosa consiste  il canone inverso dei ruoli con cui si svolgerà l’iniziativa?

Eccoci al dunque:saranno persone non vedenti che accompagneranno tutte le persone vedenti che parteciperanno ad un percorso al buio organizzato nella sede operativa della nostra associazione in Via Costantinopoli,19  Napoli: tutte le stanze saranno rigorosamente oscurate, saranno posti in vari punti, oggetti in grado di diffondere odori, suoni, stimolare l’immaginario, risvegliare sapori, incuriosire l’udito, il tatto per  il riconoscimento di cose e persone, esercitare l’intuizione, giocare con la memoria associativa, approssimarsi alla realtà con il Popperiano metodo del procedere per prove ed errori.

Ci avventureremo nel bar al buio dove, sempre con l’aiuto di accompagnatori ciechi, con la traccia degli odori e il potenziamento della fantasia, sarà possibile indovinare cosa ci sarà da bere e da mangiare e  scegliere ciò che più corrisponderà al desiderio del momento e che il contesto ci suggerirà.

Forse in pochi o in tanti vi chiederete perché impegniamo tante forze e fatica ad organizzare tutto questo, ebbene, le ragioni sono molte ma, provo a sintetizzarne due: in primo luogo perché riteniamo che solo attraverso la promozione di attività concrete come questa ci si può avvicinare alle problematiche dei non vedenti senza quello spirito  pietistico  che offende la dignità delle persone  e  non  costruisce comunicazione; in secondo luogo, perché  crediamo che solo mettendoci in gioco, con fantasia, autoironia, creatività, possiamo ridurre le distanze, le pregiudiziali, ma  anche le forme di indifferenza verso i  diritti, le sensibilità, le vere possibilità e capacità di chi non vede  o  vede poco.

Insomma, sviluppare parità e reciprocità è  la nostra cifra esistenziale sia come persone singole sia come volontari dell’associazione.

Silvana Piscopo

Info e Prenotazione: Tel. 08119915172; Cell. 3407547659; E –mail: univocna@univoc.org